Nàrodnì divadlo: il Teatro nazionale di Praga

Narodni DivadloIl Teatro nazionale di Praga ha un valore davvero emblematico per la popolazione ceca: tenuto in altissima considerazione da tutti, alla stregua di un monumento o un palazzo reale. Questo imponente edificio con un tetto a cupola rettangolare, affacciato sulla Moldava, domina completamente la Città Nuova, e assistere ad un’opera qui è un’esperienza memorabile. L’edificio di stampo neorinascimentale è stato progettato da Josef Zitek che ha realizzato un meraviglioso e maestoso portico d’ingresso, sovrastato dalle statue mitologiche Apollo e le nove Muse, ad opera di Bohuslav Schnirch. Entrando si possono trovare una serie di dipinti e sculture che arricchiscono i grandi spazi interni e continuando ci si ritrova nell’auditorium, diviso in quattro ordini sovrapposti, tutti sontuosamente decorati in oro e rosso.

La cultura vince sul potere

Questo teatro è stato voluto molto dagli abitanti di Praga per contrapporsi al Teatro degli Stati generali, che apparteneva alla comunità di lingua tedesca, per avere finalmente un luogo dedicato all’opera e al repertorio teatrale in lingua ceca.

All’inizio il Parlamento si era rifiutato di stanziare il finanziamento per questo progetto, ma la popolazione ebbe la meglio con una sottoscrizione popolare, e il teatro fu costruito con pietre fatte arrivare dalla Boemia e Moravia, ma anche da Chicago, spedite direttamente dagli immigrati cecoslovacchi andati a lavorare negli Stati Uniti: l’inaugurazione risale al 1881.

Purtroppo dopo solo un anno di vita un incendio rase al suolo questo edificio: fu di nuovo grazie a una sottoscrizione che ci fu la ricostruzione completa (ma grazie anche al contributo dell’imperatore Francesco Giuseppe, che non volle sfigurare davanti ai propri sudditi!).

Oggi, durante l’intervallo tra gli atti, le guide suggeriscono di provare lo champagne nazionale, il Boemia sekt, presso il bar del teatro, assicurando che sarà una piacevole sorpresa.

Chi ritiene l’architettura di questo teatro troppo pomposa, dia un’occhiata al Nova scéna (nuovo palcoscenico), progettato da Karel Prager nel 1983, dallo stile completamente opposto: essenziale, moderno, realizzato in vetro e il luogo dedicato al repertorio ceco moderno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *