Teatro Real di Madrid, un esempio di progresso tecnico

Teatro Real in MadridQuesto teatro madrileno è stato inaugurato nel 1850 dalla regina Isabella II e ha vissuto il suo periodo di maggior splendore nella seconda metà del XIX: poi nel 1925 è stato chiuso, ritrovando la sua vera gloria solo nel 1997, quando è stato totalmente ristrutturato e rinnovato. La sua caratteristica principale è la sua modularità, con una struttura a multilivelli: per l’esattezza 24, che permettono di rappresentare contemporaneamente ben tre opere senza dover smontare gli allestimenti scenici. Una vera propria novità per un teatro, che rappresenta un progresso tecnico impressionante. Per questo è considerato uno dei tre teatri lirici più importanti del mondo.

Uno spazio polivalente

Se capiterà di accomodarsi in uno dei 1700 posti in sala per un balletto, un’opera o un concerto, si rimarrà estasiati dalla meravigliosa e perfetta acustica, di una qualità tale da non fare perdere minimamente la perfezione del suono. Questo teatro polivalente ha al suo interno diverse sale private, dove si possono organizzare eventi e dove vengono prestate spesso mostre d’arte provenienti dal museo del Prado. È inoltre possibile fare uno spuntino o prendere fiato dopo una giornata estenuante da turista nell’accogliente sala da tè che è molto frequentata soprattutto da madrileni o fare uno spuntino nel ristorante sempre interno al teatro.

La ricchezza del teatro castigliano

Se si contano tutti i teatri nazionali e municipali pubblici e privati di Madrid, si arriva tranquillamente a un elenco di una trentina di sale. Si va dal teatro classico a quello di strada, agli spettacoli sperimentali: in ogni caso una serata ad un teatro in castigliano merita davvero e vale i soldi spesi. Sono spettacoli ed esibizioni di altissima qualità, che non si possono assolutamente perdere. Solo per citarne un esempio: la zarzuela, un’operetta sentimentale leggera tipicamente spagnola. Eseguita magistralmente da cantanti di fama internazionale è una performance che potrà soddisfare anche il pubblico più esigente ed esperto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *